Il MAC – Museo Archeologico Cicolano

La realizzazione del MAC, attualmente gestito dalla Comunità Montana Salto Cicolano, è stata possibile grazie alle risorse stanziate dalla Regione Lazio – Direzione Regionale Culturale e Politiche Giovanili, a seguito dell’Accordo di Programma Quadro siglato nel 2005 tra Governo e Regione. Il museo nasce dal continuo e incessante impegno della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio, oggi BAP per le province di Frosinone, Latina e Rieti, che da molti anni lavora sul territorio della valle del Salto.

La sede del MAC è stata individuata nel vecchio edificio scolastico dismesso di Corvaro, frazione del Comune di Borgorose. Recuperato e riqualificato a nuova struttura da un moderno progetto architettonico, concluso nella primavera del 2015, essa tiene conto degli aspetti museografici dell’allestimento attraverso soluzioni spaziali e ampliamenti che garantiscono gli standard museali, la conservazione e l’esposizione al pubblico della consistente collezione dei reperti provenienti in gran parte dalle necropoli arcaiche e dai depositi votivi rinvenuti in prossimità dei santuari di età romana. L’allestimento del percorso museale, curato e realizzato da Cooperativa Archeologia, è suddiviso in dieci sale che inquadrano in ordine cronologico le varie fasi di occupazione del Cicolano: un lungo arco temporale che scorrendo sin dall’età del Bronzo Medio raggiunge la tarda età imperiale.


la sala del tumulo di Corvaro

sala 4 tumulo di corvaro, ph di C. Proia#