Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

La tessitura cicolana in mostra: dal primo Novecento ad oggi

22/09/2018 @ 17:30 - 06/01/2019 @ 19:00

3,00€

GIORNATE EUROPEE DEL PATRIMONIO 2018 – L’ARTE DI CONDIVIDERE

In occasione delle “Giornate Europee del Patrimonio 2018 – L’arte di condividere”, svolte il 22-23 settembre 2018, il MAC ha presentato “Le tradizioni ritrovate”, un doppio evento rivolto al recupero e alla valorizzazione dell’arte della tessitura locale, una produzione artigianale secolare abbandonata con i primi cambiamenti economici apportati dal Boom dei primi anni ’60.

La tessitura cicolana: dal primo Novecento ad oggi”

Il museo ospita fino al 6 gennaio 2019 una mostra interamente dedicata al ruolo della donna all’interno del nucleo familiare contadino, focalizzando l’attenzione sull’attività simbolo immemore dell’universo femminile e delle sue complesse abilità. La mostra è suddivisa in quattro sezioni:

  1. 1. “Il telaio a mano a 4 licci” con l’esposizione di un vecchio telaio locale ricostituito e funzionante, databile ai primi decenni del Novecento, associato ad una collezione storica di frammenti di tessuti broccati lanciati (decorazione in rilievo a filo continuo) concessa dal prof. Enzo Di Marco, composta da alcuni esempi riferibili alla produzione  cicolana di fine Settecento-inizi Ottocento;
  2. 2. “Dalla pianta al filo” rivolta agli strumenti e alle tecniche utilizzate dalla donna nelle varie fasi di lavorazione e trasformazione delle fibre vegetali (lana, canapa e lino) in matasse di filato;
  3. 3. “La dote nuziale” con l’esposizione dell’intero corredo matrimoniale e di tutte le tipologie di tessuti (federe, asciugamani, canovacci, biancheria, tovaglie, coperte) che la donna imparava a tessere dall’infanzia fino al sposalizio. Riposta in bauli di legno, la dote era trasportata a dorso di mulo nella casa del futuro sposo una settimana prima della cerimonia nuziale (“carraggio”). Essa era il contributo patrimoniale che la famiglia della sposa elargiva alla costituzione dei beni della nuovo nucleo, come indennizzo alla figlia dell’eredità genitoriale, il cui usufrutto era ceduto temporaneamente al marito. Il patrimonio della nuova famiglia era formalizzato mediante la stipula dei capitoli matrimoniali, attraverso i quali le famiglie concordavano il valore del corredo (in mostra la copia notarile datata 1947 dell’apprezzu, ossia il documento che stimava l’elenco dei beni dotali). L’istituto obbligatorio della dote venne abolito nel 1975 con la riforma del diritto di famiglia e la promulgazione del nuovo Codice civile, il quale configurava questa convezione matrimoniale come retaggio retrogrado del passato.
  4. 4. “La produzione tessile“, ultima sezione della mostra composta da 15 splendide coperte matrimoniali in broccato lanciato realizzate al telaio da tessitrici specializzate del luogo e suddivise per tipologia decorativa. La sezione è arricchita anche dalla presenza di due raffinati abiti da sposa indossati nel 1920 e nel 1930.

La costituzione della mostra e l’esposizione dei vari tessuti, compresi manufatti ed oggetti della tradizione contadina, è stata resa possibile grazie alla disponibilità e alla partecipazione di numerosi privati coordinati dal gruppo CorvaroComeCultura.

Coperte matrimoniali in broccato lanciato con motivi decorativi geometrici tipici del Cicolano. Produzione artigianale locale (1939-1960)

Dettagli

Inizio:
22 settembre @ 17:30
Fine:
06/01/2019 @ 19:00
Prezzo:
3,00€
Categoria Evento: